Currently browsing category

SIMBOLOGIA, Page 2

cerchio della fiducia

20 SP : appunti sul contesto simbolico del punto

Il punto di partenza delle osservazioni che appunto in questo post è costituito da questo articolo relativo alle funzioni del punto 20SP . Per avere più chiaro quello che può essere l’uso pratico del punto e le condizioni in cui può essere implicato, cerco di delineare l’insieme simbologico, il “profumo” che emana il punto secondo il suo nome, localizzazione e sintomatologia. Credo di non aggiungere nulla a ciò che è stato già scritto, ma a me è un esercizio che serve per chiarirmi le idee, e spero possa essere così per altri. NOME: Zhou Rong: Zhou è “giro, circuito, circonferenza” o “perfetto, dappertutto, completo”.  Rong è “nutrizione, fiorente”. De Franco traduce con “fiorente dappertutto”.  Zhou Ying: Ying sta per “accampamento” o “progetto, costruzione”. De Franco traduce con “amministrare dappertutto” . Nel nome, da un lato si potrebbe rimandare alla capacità della milza di nutrire tutto il corpo, dall’altro a qualcosa che ha...

Questo contenuto è solo per i membri registrati come " Accesso Riservato - PROVA 15 GG e Accesso Riservato Blog + App "DR. AGO" "
Log In Registrati

Letture simboliche dei Meridiani Distinti

Appunti sui Jing Bie: nelle note che seguono si fa specificamente riferimento alla lettura dei distinti del maestro J. Yuen . Per una panoramica su Meridiani Distinti, tragitto e funzioni, vedere qui. Sembra che i distinti uniscano piccolo Shen e Grande Shen; infatti passano quasi tutti dal cuore e arrivano alla testa. Inoltre i punti di riunione inferiori hanno spesso a che vedere con il sangue (essendo peraltro punti vicini alle articolazioni, ma anche 5LR come punto luo) mentre quelli superiori con l’arrivo degli stimoli al cervello. In questo senso questi canali sarebbero “divergenti” non solo perchè spostano i patogeni, ma perchè rappresentano in un certo senso la “distrazione”, ossia la diversione tra il mandato (piccolo Shen) e la totipotenza (grande Shen). Se seguiamo l’idea di Yuen che i meridiani secondari “si formano QUANDO c’è una patologia”, potremmo pensare che il canale divergente si crea proprio come soluzione ad un...

Questo contenuto è solo per i membri registrati come " Accesso Riservato - PROVA 15 GG e Accesso Riservato Blog + App "DR. AGO" "
Log In Registrati
dadi da sei

Simbologia dei numeri: il SEI

Nel racconto biblico, il sesto giorno viene creato l’Uomo. Al sesto mese di gestazione il feto è anatomicamente completo (rimangono da svilupparsi pienamente i polmoni). Il 6 avrebbe a che vedere con la vita umana e il suo asse portante. L’Uomo appena creato, l’Adam, è l’uomo-animale, separato (in quanto creato) dal Dio, che dal momento in cui viene creato è chiamato ad un percorso di evoluzione, che si concretizza in un movimento di RITORNO verso l’Uno, l’unità, il Dio. Il 6, quindi, è il livello “base” dell’essere umano, il livello “golem” direi, di un automa che vive e propaga la sua forma, a meno che non si evolva verso il 7. A livello anatomico, potremmo relazionare il 6 alla struttura portante dell’uomo e in primo luogo alla colonna vertebrale, ovvero il presupposto strutturale all’interno del quale si raccolgono le esperienze e la possibilità di una evoluzione. Così come il 3 …

mani cinque dita

Simbologia dei numeri: il CINQUE

Il Cinque probabilmente è l’espressione di una relazione. Se il 4 aveva a che vedere con dei limiti spazio-temporali propri della Terra, il 5 aggiunge un punto all’interno del quadrato del 4, così come il 3 aggiunge un punto (la vita) in grado di oscillare, di far muovere i due opposti Yin e Yang. 5 quindi è l’uomo nel mondo, soggetto alle sue leggi e alla sua finitezza. il 5 rappresenterebbe le relazioni che si instaurano fra l’uomo e il mondo, o come spesso si dice, fra microcosmo (uomo) e macrocosmo. Così, nell’uomo, 5 sono le dita di mani e piedi e 5 sono le estremità (4 arti + la testa), 5 le modalità sensoriali. In medicina cinese, la dottrina delle 5 fasi (che riguarda gli elementi Legno, Fuoco, Terra, Metallo, Acqua) viene applicata sempre in un contesto di relazione fra uomo e mondo esterno. Anche le 5 tipologie umane …

lettere e nomi

La rettificazione dei Nomi

Nella corrente confuciana e non solo, ricorre l’idea di “rettificare i nomi” e far sì cioè che i nomi che si danno alle cose aderiscano alla realtà. Il nominare, come ho scritto in altre occasioni, mi sembra strettamente legato al “creare”. Nella Bibbia, dopo l’atto creativo, che è separazione, Yahweh “nomina” ciò che ha creato, e chiama gli oggetti della sua creazione, ad es. chiama la luce (“e la luce fu”). Quindi da un lato abbiamo l’idea di chi crede (come Confucio) che sia possibile migliorare la conoscenza umana della realtà, perfezionando i nomi e facendoli aderire, seguire la forma delle cose. Dall’altro abbiamo, come Xun Zi, chi crede che i nomi siano delle convenzioni, e che tuttavia devono essere ben condivise e rettificate perchè senza convenzioni ci sarebbe il caos. E poi abbiamo i taoisti che dicono che il nominare è limitare, quindi non potremo mai sapere quale corrispondenza c’è …

colonna vertebrale

Simbologia della Colonna Vertebrale

La spina dorsale da un punto di vista simbolico si correla con l’accumulazione delle esperienze di vita. Alcuni dicono corrisponda a una “scala”, ovvero ogni vertebra (o metamero) sarebbe un gradino di esperienza e in certa misura forse di consapevolezza: la colonna è composta da 33 vertebre e in ebraico il numero 33 sarebbe lamed (= 30) + gimel (= 3), entrambe con una forte nozione di movimento (l’ideogramma di lamed corrisponde a un pungolo, l’altro a un cammello). Le parole che contengono questa combinazione di lettere (con lamed, gimel) hanno spesso un significato legato al concetto di “liberazione”. Ad esempio: dopo i 33 anni Cristo è libero e con sè libera l’Uomo. Alla fine della scala e delle esperienze di vita rappresentate dalla colonna, ovvero compiuti i 33 scalini attraverso un movimento attivo, si prospetta una liberazione. Analogamente, il Cristo che muore a 33 anni è come se avesse fatto tutte le esperienze …

sangretoro brasiliano

Simbologia del Sangue

Il sangue in varie culture è legato al concetto di ALLEANZA: il sangue di Cristo è “versato per la nuova ed eterna alleanza”. Il Nuovo Testamento è la Nuova Alleanza, firmata col sangue del figlio divino Il sangue pagano è quello che sancisce la “fratellanza di sangue”. lo spargimento di sangue, nei sacrifici, sigilla un patto fra l’umano e il divino, o il demone. In medicina cinese, il sangue-Xue è l’ “Alleanza con se stessi” (J. Yuen): non a caso la poca autostima spesso si riflette in un sangue “debole” o torbido La radice ebraica di sangue è “dam”, la stessa di Adam, il primo uomo. “demut” è la somiglianza (dell’uomo al divino). “dema” è la lacrima, ovvero il “sangue dell’occhio” – cfr in medicina cinese la lacrima appartiene al Fegato, che stocca il sangue Il sangue è anche legato ai concetti di RELAZIONE ed ESPERIENZA: in medicina cinese è …

i quattro evangelisti

Simbologia dei numeri: il QUATTRO

Qualche breve appunto sul numero 4. Se il 3 è legato in qualche modo alla vita in movimento, il 4 è legato alle strutture della vita. In ebraico la lettera lamed, che vale 4, significa “la porta”. Se il 2 è la casa, il 4 è la porta, o il cancello, ossia quell’ingresso entro cui “passa” la vita. Una porta è anche in certo senso una “prova” da superare. La porta-prova è di solito controllata da 2 guardiani o 2 colonne (come le 2 colonne del tempio di Salomone). La simbologia della porta, dal punto di vista corporeo, è collegato in certo modo alla tiroide (cfr. questa dissertazione in proposito). Essa potrebbe essere relazionata all’idea di “porta a due battenti” (che nei nomi di punti di agopuntura ricorre con gli ideogrammi men o guan, secondo l’accezione): una tale porta, richiamata anche dalla forma “a farfalla” della tiroide, potrebbe regolare i …

uno due e tre

Simbologia dei numeri: UNO, DUE, TRE

Parliamo degli aspetti simbolici dei numeri e cominciamo dal numero 1. Alcuni collegamenti simbolici legati all’uno: L’origine, la divinità, unica e indivisibile, il principio di ogni cosa. La prima lettera dell’alfabeto: in origine era una testa di toro (cfr. simbologia divina delle corna), ruotata a destra nel greco “alfa”, ruotata ancora con le corna in basso a formare la lettera A. In ebraico è “aleph” e rappresenta l’origine divina La Genesi nella Bibbia comincia con “bet”, la seconda lettera (la creazione). Anche nella cosmogonia cinese non si comincia dall’ uno, ma dal 2 e dal 3. L’uno è in qualche modo sacro (ovvero anche “separato” dal resto dei numeri, visto che etimologicamente è “sacro” ciò che è separato) Per Euclide l’uno non era nè pari nè dispari, aveva solo la funzione di rendere pari/dispari gli altri numeri – E’ come se l’uno fosse un “motore immobile”. Per quanto la radice sanscrita …

quinta da regaleira 4

I simboli mistici del giardino di Quinta da Regaleira

Un paio di anni fa, durante un viaggio in Portogallo, mi capitò di partecipare ad una visita guidata al Palácio da Regaleira, una magnifica tenuta con villa, giardini e diverse grotte, che si trova a Sintra, vicino Lisbona. Il luogo mi affascinò molto per la presenza di un ricco pantheon di simboli mistici ed esoterici che – nella mia immaginazione di allora e di adesso – descrivono un preciso percorso iniziatico, che in quanto tale è ben comprensibile solo da coloro che sono stati istruiti a quel linguaggio simbolico (e quindi da parte mia solo ipotizzato). Appunto qui alcune riflessioni che scrissi su questo luogo molto singolare.. Sono idee raccolte durante la visita del giardino, annotazioni che ho ritrovato in questi giorni (potere dei traslochi) insieme al depliant della villa, e che raccontano una storia (da prendere con le pinze, come un brainstorming, sia chiaro). Una breve storia di Quinta da …