Currently browsing category

Esperienze personali

tecniche di memoria

[VIDEO] Consigli per Studiare e Memorizzare Meglio

Tornando all’università mi sono accorto che a molti studenti manca un metodo di studio che funzioni bene. Capita di perdere molto tempo e ottenere risultati non soddisfacenti. Insomma, visto che su questo ho un bel po’ di esperienza, ho fatto un video per spiegare come imposto il mio studio. Ovviamente questo non ha a che vedere direttamente con i temi di questo blog, ma può essere molto utile per lo studio della medicina cinese. Utilizzare poche tecniche di memoria e applicarle in modo che “funzionino” può aiutarci molto a gestire la mole di sapere che la Medicina Cinese ci ha portato fino ad oggi. Ricordare funzioni dei punti, strategie terapeutiche che abbiamo sperimentato ecc. Vi ripropongo qui il video quindi, anche se è pensato per lo studio universitario. Il video dura un’ora e costa dù spicci perchè comunque vi ho speso del tempo 😉 Se vedete il video lasciatemi un …

Questioni d’urgenza (una vertigine e una infiammazione)

Riporto due esperienze molto personali che mi sono capitate recentemente. Premetto che, non essendo medico, non uso gli aghi su altri, ma su di me lo faccio. Come ho scritto nel post precedente sul dolore acuto, tendo a preferire punti a distanza delle gambe in caso di fenomeni acuti, e questo è capitato proprio alcuni giorni fa. Al di là dei casi specifici, è evidente che anche questi episodi acuti che descrivo hanno alla base dei fenomeni di fondo, che in questo caso riguardano me personalmente (“se non sei sensibile al vento, il vento non può colpirti”). Primo episodio: Al risveglio di un giorno qualunque faccio colazione come al solito, poco dopo essermi alzato. Avevo uno yoghurt al caffè con un po’ di cereali. Mentre mangio lo yoghurt comincio ad avvertire una sensazione di vertigine, cosa a me mai capitata (ho solo un po’ di pseudovertigini quando salgo su scale …

I punti a distanza nel dolore acuto

Mi è stato insegnato a scegliere il trattamento di punti a distanza in fase di dolore acuto, in modo da favorire il rilascio dell’infiammazione e poter poi, eventualmente, anche lavorare sulla zona dolente. Capita spesso di avere buoni risultati su fenomeni acuti, sono i casi in cui si fa la cosiddetta “bella figura” perchè la persona sta meglio rapidamente, il dolore diminuisce molto o scompare e anche se in realtà si tratta di un risultato temporaneo e sintomatico, tuttavia l’effetto è percepito come miracoloso. Racconto un esempio che mi è capitato recentemente, in una situazione in cui avevo poco tempo a disposizione per fare qualcosa (intendo 5-10 minuti) ed era presente un torcicollo acuto. C’erano evidentemente problemi di vecchia data alla colonna, in parte suggeriti dalla postura della persona, in parte accennati verbalmente. Il collo e le spalle alla palpazione erano contratte, il trapezio in particolare, significativamente dolente, soprattutto al …